Le 4 virtù cardinali del buon blogger

231 Flares Twitter 115 Facebook 45 Google+ 31 Pin It Share 0 LinkedIn 38 Buffer 2 231 Flares ×

Ti rassicuro subito, visto che hai letto questo strano titolo: non ho davanti a me un Vangelo e non sto per fare una lezione di catechismo 2.0.
Tutto ha inizio qualche settimana fa, quando ho condiviso un post di Alessandro Scuratti sui 7 vizi capitali del social media marketing, al che Alessandro mi ringrazia scrivendo:

“Quando m’è venuta l’idea, ho pensato: questo è uno dei post che si potrebbero leggere su Web Road!”

Oltre a lusingarmi moltissimo, queste parole di Alessandro mi hanno ricordato che poco tempo prima avevo avuto proprio la stessa idea, anche se collegata al mio amato mondo del blogging.

Su, ammettiamolo: non solo i social media cosi, ma anche noi blogger possiamo diventare peccatori cadendo nella trappola dei 7 vizi capitali e quindi mi sono chiesta…che cosa fare per evitarlo?
Come diventare “morigerati” e timorati di dio, anzi, della blogosfera?

Nonostante la mia attuale distanza siderale dalla Chiesa, ho fatto leva sui 7 anni trascorsi dalle suore (ebbene sì, 7 anni) e mi sono improvvisamente ricordata dell’esistenza delle 4 virtù cardinali, così ho dato loro una lettura veloce e mi sono resa conto che il rimedio contro le cadute in tentazioni erano lì dentro. Anche per un blogger!

Non ci credi, scetticone? Lo so, lo so…restando in tema, sei come S. Tommaso e se non vedi non credi, quindi iniziamo subito…nel nome di WordPress, della SEO e del Personal Branding.

(Scusa per la blasfemia 😉 )

1) Prudenza

Trascrivo testualmente: “la prudenza è la virtù che dispone la ragione pratica a discernere in ogni circostanza il nostro vero bene e a scegliere i mezzi adeguati per compierlo”.

Ok, torniamo a parlare normalmente e in modo comprensibile.
La prudenza è la virtù cardine delle virtù cardinali: al di là del gioco di parole, essere prudenti è alla base di tutto.

Cosa significa Prudenza? In una sola parola significa Saggezza, ma non farti venire in mente l’immagine del Sapiente anziano onnisciente, occhiali sulla punta del naso e chino su tomi di ogni genere.
La saggezza è altro. La saggezza è conoscere ciò che è davvero il bene nostro e altrui, di riconoscere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, di perseguire i nostri obiettivi con intelligenza, di valutare ogni mezzo con attenzione, di farci guidare dal buon senso e dalla nostra coscienza.

• La Prudenza del Blogger

Il blogger deve imparare ad essere Prudente…ancor prima di diventare blogger!
Cosa significa?
Significa rivolgere tutta la propria attenzione alla strategia che ci accompagnerà lungo l’avventura, significa essere saggi nel decidere gli obiettivi che vogliamo raggiungere, nel definire la nicchia alla quale rivolgersi, nel costruire il nostro progetto e piano editoriale.

Cosa non devi fare, ad esempio? Porti obiettivi irraggiungibili, come ottenere subito 10.000 visite mensili o pubblicare quotidianamente anche se lavori 8 ore in ufficio, senza connessione internet, a 200 km di distanza da casa tua (vabbè, ho esagerato, ma credo che il senso sia chiaro 😉 )

Altro esempio? Voler trattare di certi temi perchévannodimoda, nonostante tu non li conosca a sufficienza e magari nemmeno ti appassionano.

128H

Caro aspirante blogger, vola basso fin da subito, non avere mai fretta, ma sii sempre oculato in ogni passo che compi; muoviti con attenzione, studia tantissimo e tieniti sempre aggiornato, confrontati con gli altri, ascolta sempre la tua nicchia. Il tuo mondo.

Sarà solo con la tua prudenza, il tuo studio attento, la tua consapevolezza che riuscirai davvero ad offrire ciò che più conta per il tuo pubblico: la qualità.

2) Giustizia

Cosa si intende per Giustizia?

Trascrivo di nuovo testualmente: “la Giustizia verso gli uomini dispone a rispettare i diritti di ciascuno e a stabilire nelle relazioni umane l’armonia che promuove l’equità nei confronti delle persone e del bene comune. L’uomo giusto si distingue per l’abituale dirittura dei propri pensieri e per la rettitudine della propria condotta”

La Giustizia consiste quindi nel comportamento virtuoso, nella “volontà di dare all’altro ciò che gli è dovuto”, nel fare ciò che è bene per noi stessi e per gli altri…ora però ti starai chiedendo, dopo tutti ‘sti paroloni: come possono legarsi al blogging?

• La Giustizia del blogger

Il blogging Giusto è sinonimo di lealtà, correttezza, apertura e disponibilità verso tutti, senza distinzioni…ma andando subito al sodo: cosa fa un blogger Ingiusto?

Il blogger Ingiusto è colui che pensa solo a se stesso, che invade caselle mail altrui con spam e autocelebrazioni, che ritiene di dover dare spazio solo alle proprie idee, ai propri contenuti, al proprio talento. Sì, perché il blogger Ingiusto si ritiene così bravo che da solo può soddisfare i bisogni di tutta la sua nicchia e quindi…perché mai condividere i post altrui?

152H
Il blogger Ingiusto non ha colto l’importanza di fare rete, di riconoscere il valore e la qualità negli altri, ma mosso da chissà quali motivazioni, mette in atto uno dei comportamenti più sbagliati nella blogosfera: la non condivisione.

C’è però un altro tipo di blogger Ingiusto: colui che non tratta equamente i suoi colleghi blogger.
Mi spiego: ci sono megabloggerinfluencerguru che condividono solo i post di altri megabloggerinfluencerguru o rispondono solo ai commenti dei megabloggerinfluencerguru.
Eppure ci sono tantissimi blogger minori di grande talento (anzi, a volte più bravi degli influencer) o commenti e domande che restano irrisolte nei meandri silenziosi di WordPress.

Per non parlare infine, dell’ultima tipologia di blogger Ingiusto: il blogger non onesto con se stesso e gli altri, il blogger che copia stile o idee altrui, facendole proprie e mancando di rispetto verso l’intero mondo del blogging.

E quando assisti a tutto questo, magari accorgendoti che certi soggetti ricevono migliaia e migliaia di visite, non pensi che sia davvero Ingiusto?

3) Fortezza

Cos’è la Fortezza?
Citando la cara Wikipedia, “è la capacità di resistere alle avversità, di non scoraggiarsi dinanzi ai contrattempi, di perseverare nel cammino di perfezione, cioè di andare avanti ad ogni costo, senza lasciarsi vincere dalla pigrizia, dalla viltà, dalla paura”

Ecco, la Fortezza è il contrario di quel viziaccio capitale dell’accidia, è l’opposto dell’essere pusillanime, di chi non sfrutta tutte le sue potenzialità e si fa cullare dalla pigrizia o dominare dall’ansia.

Ti suona familiare, caro amico blogger?

• La Fortezza del blogger

Sia che tu abbia iniziato da poco tempo, sia che tu navighi nelle acque della blogosfera da anni, conosci bene l’importanza di questa virtù.
In una parola…resistere, resistere, resistere.

Il blogger, infatti, deve essere flessibile come un elastico e resistente come una roccia…anzi proprio come una fortezza, intesa stavolta come costruzione difensiva.

hohensalzburg-fortress-117297_640
Tu sei una fortezza che si deve difendere da nemici tostissimi: il tempo che manca, gli impegni che aumentano, lo sconforto da risultati negativi, la creatività che latita.

Tu devi rispondere ad ogni attacco con la tua Fortezza: rispondi credendo fortemente nel tuo progetto, nella tua idea, nei tuoi obiettivi. Obiettivi che siano raggiungibili, lo ripeto, altrimenti la tua fortezza si sgretolerà in poche settimane riducendosi a polvere.

Devi credere in ciò che stai facendo, devi credere nella tua passione.
Questo è il segreto per essere una Fortezza, per resistere agli insuccessi dei primi mesi e a quelli che verranno nei successivi, per combattere la mancanza di tempo organizzando ogni momento della tua giornata (qualità in cui io stessa devo migliorare), per resistere nei periodi in cui la creatività verrà meno e in cui sarà inutile sforzarla con le maniere forti, perché dovrai stimolarla dolcemente, riprendendola per mano.

A proposito di Fortezza, ti consiglio di leggere le riflessioni di un vero maestro di costanza, ovvero Riccardo Esposito.

4) Temperanza

Siamo così arrivati alla quarta e ultima virtù cardinale.

Cosa si intende per Temperanza? Trascrivo testuali parole: “la temperanza è la virtù morale che modera l’attrattiva dei piaceri e rende capaci di equilibrio nell’uso dei beni creati. Essa assicura il dominio della volontà sugli istinti e mantiene i desideri entro i limiti dell’onestà”

Ma qual è una pulsione irrefrenabile che tanti aspiranti blogger devono tenere a bada? Andiamolo subito a scoprire!

• La Temperanza del blogger

Ricordi l’epica scena dell’altrettanto epico “Jerry Maguire”?

Ecco caro blogger, il “Coprimi di soldi!!!” ripetuto da Cuba Gooding Jr non deve essere il tuo inno di battaglia: non decidere di aprire un blog perché hai conosciuto la storia di Chiara Ferragni e vuoi seguirne le gesta, non puntare a monetizzare qualcosa che ancora non esiste.

I tuoi punti fermi devono essere: passione e qualità.  Sempre.
Apri un blog perché hai qualcosa da dire ad una nicchia e per la nicchia.
Concentrati su quella tua passione, forte e autentica, sulla quale sei competente e della quale non ti stancheresti mai di parlare; tieniti sempre aggiornato; condividi valore ed unicità; contraddistinguiti dagli altri.

Al contrario, se aprirai un blog come se stessi aprendo la saracinesca di un negozio Compro Oro o che vende cialde di caffè, non riuscirai ad andare lontano e presto sarai costretto a riabbassarla, con il capo chino.

Ciò non significa che sia impossibile guadagnare attraverso un blog ed esistono centinaia di casi in Italia e all’estero che lo dimostrano, oltre a decine di articoli che ti insegnano come farlo.

Tra tanti io ho scelto quello scritto da Giacomo Freddi ospitato da Riccardo Scandellari, perché oltre a condividere alcuni metodi per guadagnare direttamente o indirettamente con il proprio blog, si sofferma su alcuni principi per me fondamentali: come scrive Giacomo, “il vero segreto per poter guadagnare online è il TUO atteggiamento“, “i soldi facili non esistono e non sono mai esistiti”.
Riportando ancora le sue parole, “prima di tutto il web è fatto di persone reali, persone come TE. Quindi se vuoi realmente guadagnare online, è essenziale che tu comprenda che non è Internet che ti permette di farlo, quanto piuttosto le PERSONE che ti seguono, coloro che leggono e commentano i tuoi articoli, che scaricano i tuoi e-book, guardano i tuoi video e imparano da quello che offri”

Giacomo ha centrato il punto, lo stesso sottolineato da Skande in questo suo post sostenendo che “non è attraverso la quantità di visite che guadagniamo soldi, ma attraverso la community e l’autorevolezza che sapremo costruirci”

Quindi caro aspirante blogger, non pensare alla Ferragni e a come campare con il tuo blog ancora prima di aprirlo: impegnati perché tu possa diventare un punto di riferimento valido e autorevole per la tua nicchia.
Lavora per diventare indispensabile.


Ora tocca a te

Arrivati a questo punto, come in ogni viaggio sulla Web Road, lascio il volante nelle tue mani: cosa pensi di questo accostamento tra virtù cardinali e blogging? Vorresti aggiungere qualcosa?

Ti aspetto nei commenti! 😉

Alessandra Toni

Ciao, sono Ale! Appassionata di scrittura da sempre, un giorno entro nella “rete” e me ne ne innamoro. Scrivo di web writing, social media marketing e comunicazione; amo leggere e raccontare attraverso parole ed immagini. Il mio motto? #SharingIsCaring

9 Comments

  1. Io direi di non prendersi troppo sul serio.

    Se vogliamo metterla meglio direi: devi essere “serio” come blogger ma non prenderti troppo sul serio, quando inizi a prenderti troppo sul serio è l’inizio del tuo declino come blogger.

    • Ciao Andre,
      la tua aggiunta è giustissima e la condivido in pieno: troppa rigidità, troppa chiusura e mancanza di leggerezza fanno malissimo al proprio blog…e rendono anche terribilmente noiosi!
      A queste persone, un bel mix delle 4 virtù cardinali non può che far bene, sei d’accordo? 😉

      Grazie mille per il commento Andre, a presto! 🙂

  2. Ciao Alessandra, grazie per la citazione. La costanza… sì, è importante. Ho basato tutto sulla costanza. Io so che le persone hanno voglia di leggere e io soddisfo questo bisogno. Ma c’è bisogno anche di costanza nel cambiare sempre.

    • Ciao Riccardo,
      come ho già avuto occasione di dirti, sono io a ringraziarti visto che sei uno dei miei maestri in ognuna di queste virtù…soprattutto nella Fermezza e in quella costanza che ti contraddistingue, rendendoti un solido punto di riferimento per tutti noi. Ogni giorno.
      Sono d’accordo con te: è importante la costanza, ma anche avere la capacità di reinventarsi, di trovare nuovi spunti di interesse da offrire ai nostri lettori, di rinnovare sempre se stessi, pur mantenendo un’identità riconoscibile, forte e coerente.

      Grazie di cuore per il tuo contributo Riccardo! A presto! 😉

  3. Di sicuro le virtù del blogger esistono, e anche i difetti. La giustizia in particolare mi piace molto, anche se so che non c’è un modo univoco di intenderla. Certo è strano, in un certo senso, dedicare tanto tempo e tante attenzioni a qualcosa di cui il mondo farebbe a meno senza un fremito, se solo decidessimo di sparire dalla blogosfera. Per questo do ragione anche ad Andrea, che ci esorta alla leggerezza. 🙂

    • Ciao carissima,
      quanto è importante la leggerezza…stranamente (anzi, paradossalmente) è proprio quella che ci fa restare a terra.
      Non zavorre o pesi di vario tipo, ma proprio la leggerezza, perché è il segreto per “non prendersi troppo sul serio” come dice Andrea, per non perdere di vista la virtù della Giustizia (o cadere nel vizio capitale della superbia!)
      Viviamo la nostra avventura di blogger con serietà, impegno e professionalità, ma non dimentichiamoci di questo piccolo segreto che ci aiuterà ad affrontare ancora meglio ogni tappa del viaggio…

      Grazie mille per il tuo commento…a presto Grazia! 😉

  4. Concordo con chi ha commentato prima: non prendersi troppo sul serio, che è uno degli elementi compresi nel “dare un sorriso”, che di questi tempi ci vuole e perché è una caratteristica che, rispetto alla troppa serietà, avvicina il lettore.
    La più azzeccata è “Sapere ciò di cui si scrive”, elemento distintivo per un blogger ma anche per un giornalista: questi due mondi paralleli e distaccati hanno bisogno di persone in grado di raccontare ciò che è reale ed oggettivo.

    • Ciao Enrico,
      purtroppo l’ho dovuto temporaneamente sospendere a causa del lavoro che non mi consente di curare i contenuti come prima…ma presto tornerò! 😉
      Grazie di cuore per questo tuo commento, mi ha fatto molto piacere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *